Orefice Costruzioni – Sarda Auto Multiservice: 3-4

0
1616
Orefice Costruzioni - Sarda Auto Multiservice: 3-4
Orefice Costruzioni - Sarda Auto Multiservice: 3-4

Mercoledì sera ore 22, campo 4/5, si disputa una gara della stagione del Torneo Elite, per lo Sporting Cup 2016/17, si affrontano Orefice Costruzioni (reduce da una nettissima vittoria in semifinale) e Sarda Auto (che ha battuto 4-2 Black Soccer); tanto per gli arancio quanto per i biancorossi, ci sono assenze con cui fare i conti: non c’è Sini nella squadra di Mister Flumini (gioca in porta l’altro portiere, Piras), rientra Cadoni, per Mister DEliperi invece oltre alla solita assenza di Ibba, c’è pure la nuova defezione di Michele Arrais, dirigono Usala e Lobina; l’inizio dei padroni di casa è promettente, pochi primi e il punteggio è sbloccato: dall’out di sinistra M.Sitzia taglia per Nicola Sitzia che a centro area spizza d’esterno eludendo l’uscita di Piras, il vantaggio potrebbe essere bissato da Angellotti che dalla trequarti centrale incrocia il destro sfiorando il 2°palo, l sfuriata iniziale di Orefice Costruzioni è conclusa dalla palla che Cadoni calcia dalla sinistra, incrociando il destro sul 2° palo, D.Sitzia riesce solo a toccare quel pallone forte e angolato, non impedendo quindi che si infili sotto l’incrocio, la punizione  dalla sinistra di N.Sitzia si stampa sulla traversa, poco dopo gli arancio guadagnano un corner che M.Sitzia si appresta a battere, cross pennellato sul 2° palo dove stacca imperioso Pateri e infila in rete, il 2-1 è di effimera durata perché a centrocampo, D.Flumini calcia il pallone con forza e precisione, diretto in porta, palla nel sacco, 2-2; Porceddu fa un cross preciso, Corda stacca di testa anticipando D.Sitzia ma la sfera sorvola la traversa, sul tiro dello stesso 11, velo di D.Flumini e D.Sitzia che d’istinto devia un pallone diventato insidioso, un’azione confusa nella’0ria biancorossa libera al tiro Patrizi che si coordina col destro ma ci mette troppa forza, palla alta; ad inizio ripresa M.Sitzia prova con un pallonetto a beffare Piras che mette in corner, Cadoni filtra per Corda, deviazione per servire D.Flumini che in scivolata mette sul fondo, N.Sitzia crossa per Angellotti sulla cui incornata c’è il miracolo di Piras, dall’out di sinistra, M.Sitzia fa un cross pennellato che diventa un tiro che incoccia il palo, punizione poi di Flumini con destro a giro e palla che sfiora il palo, cross lungo dalla metà campo arancio, M.Sitzia, di testa anticipa il portiere, la palla dopo un rimbalzo finisce nel sacco, Corda prova dalla trequarti sinistra, vola D.Sitzia, Mainas intercetta a filtra per D.Flumini, stop e destro rasoterra sull’uscita di Sitzia e rete del 3-3, gli arancio subisce il contraccolpo, dopo un minuto altra palla di Mainas per Flumini, protegge bene e si gira sul destro incrociando all’angolino, resta pochissimo da giocare, su un corner, N.Sitzia raccoglie e tentando di ributtare nella mischia, prende il palo, poi i biancorossi proteggono bene la metà campo e portano a casa partita e trofeo; complimenti  S Flumini e i suoi ragazzi che hanno vinto al primo anno, Ma onore alla squadra di Patron Orefice e Mister Deliperi che per il terzo di fila si mostrano una compagine di tutto rispetto dello Sporting Cup.

 

Le pagelle di Orefice Costruzioni

M.Sitzia 8: grande giocatore davvero, se ne va via con la testa china, dopo aver disputato (come il fratello del resto) l’ennesima buona gara, fatta di un gol (3-2) di pregevole fattura, un cross preciso (2-1) e colpito un palo che lascia molto amaro in bocca. Peccato.

M.Arrais 6.5: nella prima parte è molto bravo, in coppia con Pateri difende bene e impedisce a Flumini di addentrarsi troppo nella metà campo arancio, poi nel finale, il black-out che ribalta il punteggio, c’è da dire per onor di cronaca che ha subito un fallo con la squadra pronta a partire in contropiede. Rabbia.

Le pagelle di Sarda Auto

G.Mainas  7.5: protagonista di spicco del match: sgusciante e fulmineo nel dribbling e nelle ripartenze, nella prima parte viene controllato bene ma nella ripresa, un cm in più gli consente di servire non solo la palla del pareggio ma perfino quella della vittoria. Jolly.

D.Flumini 8.5: è inevitabile sceglierlo pure stavolta per la pagella, visto che, tanto per cambiare, ha siglato la tripletta che è valsa il trofeo: attaccante di grande spessore, fisico e atletico, non eccede nel dribbling e questo è un merito in più perchè i più grandi badano al sodo. Applausi.

LASCIA UN COMMENTO