Autocarrozzeria Caredda – The Wall: 6-5

0
1954
Autocarrozzeria Caredda - The Wall
Autocarrozzeria Caredda - The Wall

Giovedì sera ore 21, campo 4/5, si disputa una gara della 1° giornata di ritorno del girone Elite, per lo Sporting Cup 2016/17, si affrontano Autocarrozzeria Caredda  e The Wall (che all’andata aveva sconfitto i blancos); tra i bianchi c’è Suergiu, due i ragazzi nuovi di Caredda, Fiori e Melis; anche Gallo (che riabbraccia il suo bomber Lai) ha operato nel mercato ed ha acquistato Floris, dirige Lobina; l’inizio per i neri è ispirato: Lai riceve in profondità, da fondo campo serve dietro l’accorrente Argiolas che calcia dal vertice sinistro, incrociando il destro sul 1° palo, 1-0, Argiolas scende a sinistra e scambia con Lai, poi però calcia addosso a Caredda, Brignone sigla il pari con un bel diagonale dal vertice sinistro, Picciau ci prova dal limite, collo destro sopra la traversa, dal corner di Argiolas nasce il nuovo vantaggio: batte da destra tagliando verso la parte opposta, dal vertice sinistro Gallo si coordina bene al volo, il suo sinistro non è angolato ma veloce, Caredda non ha tempo di posizionarsi in presa, la palla è in rete; dal lancio di Torrico, Lai controlla benissimo e in tacco filtrante serve Zedda il quale incrocia il sinistro dal limite ma c’è il miracolo di Caredda, Suergiu riceve spalle alla porta, si gira sul destro e di collo infila sotto al traversa, Lai spalle alla porta serve con un appoggio delicato Zedda che incrocia il destro rasoterra, sfiora il palo alla destra di Caredda, prima dell’intervallo è viceversa Zedda a imbeccare Lai con un cross pennellato, la punta devia di nuca e centra la traversa superiore; ad inizio ripresa, Floris impegna Caredda che risponde con respinta prodigiosa, in agguato c’è però Lai che impatta per il 3-2, subito dopo la punta verticalizza per Floris, leggera deviazione e palla sul palo, punizione dal vertice destro, Aramu va col sinistro e di colo infila sul 2° palo a mezza altezza, 3-3; Aramu riceve a destra, si gira sul sinistro e di collo infila sotto l’incrocio, i blancos si portano sul doppio vantaggio col gol dalla trequarti destra di Picciau che sorprende Torrico con un rasoterra centrale, Gallo da destra incrocia di collo, Caredda vola per metter in corner, Lai riceve spalle alla porta, si gira sul destro e batte l’estremo difensore complice una deviazione, subito dopo dalla trequarti lascia partire un destro chirurgico, rasoterra, infilando nell’angolino lontano, 5-5; Zedda avanza a destra e taglia per Lai che da buona posizione manda incredibilmente alto, allo scadere, Brignone con un secco diagonale dalla trequarti destra infila il 6-5 finale, Autocarrozzeria riscatta la sconfitta dell’andata.

 

Le pagelle di Autocarrozzeria Caredda

J.Caredda 7.5: molto bene il presidente, si fa sorprendere un pochino su volèe di Gallo (2-1) ma il resto della gara è un duello vinto: strepitoso su botta ravvicinata di Zedda, salva su Argiolas, poi l’inutile bell’intervento su Floris prima del capolavoro proprio su Gallo, in volo plastico. Gatto.

A.Aramu 8: gli accordiamo questo voto non per la prestazione nella sua totalità ma perché ha fatto due gol pesanti e di rara bellezza: la seconda parte della gara è il suo territorio, con una micidiale punizione dal limite infila preciso e potente sul 2° palo, poco dopo fa qualcosa di impensabile, girando il suo sinistro da posizione defilatissima (quasi il fallo laterale) oltre che distante, la palla scende all’improvviso, tanto che Torrico l’aveva battezzata fuori. Bravissimo.

Le pagelle di The Wall

D.Argiolas 7: continua ad aver un rendimento costante: nel primo tempo è grande protagonista, segnando l’immediato vantaggio e sempre in combinazione con Lai si divora il raddoppio, facendosi però perdonare con un preciso traversone dal corner per il 2-1 di Gallo. Bene.

G.Lai 8: è il grande attaccante dei neri, assente da circa due mesi per problemi fisici: il suo ritorno cambia immediatamente il modo di giocare perché i lanci lunghi di Torrico permettono a lui di stoppare, grazie alla sua grande stazza e lanciare con precisione il compagno, tanto per mantenere una buona media mette pure a segno tre reti che purtroppo non bastano, fa male l’errore nel finale di gara. Incubo.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO