Black Soccer – The Wall: 5-3

0
1351
Black Soccer - The Wall
Black Soccer - The Wall

Venerdì sera ore 22, campo 4/5, per il girone Elite, si affrontano Black Soccer e The Wall, che arrivano al match di chiusura settimanale con problemi di formazione: mancano Lai, Timpanari e Orrù ai nero-arancio, ai bianconeri manca Caramanica, dirige Porru; il vantaggio degli ospiti è quasi immediato: Casula scende sulla destra, dal fondo taglia sul 2° palo in orizzontale per Argiolas che deve solo appoggiare in fondo al sacco, reazione dei locali con la punizione di Zara, destro a giro e palla di poco fuori, cancedda intercetta sulla trequarti e riparte alla grande, il suo destro è però alto, poi tocca  a Lai, dalla trequarti centrale, prima uno scambio con Zara poi il tiro, Torrico, benchè sbilanciato riesce ad allungare la mano sinistra e a metter in corner; Piga intercetta a centrocampo, avanza sulla sinistra e calcia di esterno destro, il tiro è centrale ma carico di effetto e ciò basta a mettere in crisi Torrico che non può evitare la rete, 1-1, Casula dalla treqarti destra calcia un diagonale a mezza altezza che Cabras con la mano destra riesce a deviare in angolo, prima dell’intervallo ecco il sorpasso: zara si propone sulla sinistra, fa una serie di finte per farsi spazio dalla pressione di Puddu, infine un bel taglio sul 2° palo, Lai arriva puntuale alla segnatura; ad inizio ripresa c’è subito il pareggio ospite, Zedda calcia un forte rasoterra che beneficia di una deviazione, Cabras è fuori causa, sul tiro di Piga, deviazione sotto misura di Lai, la sfera si impenna e Torrico allunga la mano destra per mettere sopra la traversa, iniziativa poi di Gallo che riesce (benché disturbato) a calciare dalla trequarti e mira bene verso il “7”ma Cabras fa buona guardia e devia in corner, Puddu libera a destra Argiolas, all’altezza della trequarti calcia a mezza altezza verso il 1°palo e trova la rete del 3-2; immediata reazione dei Soccer che trovano il pari proprio con un tiro del proprio capitano: LOrrai dalla trequarti destra calcia un missile di collo esterno sotto l’incrocio, azione veloce degli ospiti: Zedda conclude con un tiro a mezza altezza che si stampa sul palo, punizione da centrocampo dj Lai, destro a spiovere e Torrico battezza male la conclusione che finisce sotto la traversa; a questo punto, The Wall deve gioco forza fare la gara e schiaccia la squadra di casa nella propria metà campo, prima uno scampato pericolo per l’errore di Meloni (pressato da Zara) che concede una chance a Lorrai che prende il palo, Argiolas dopo un sombrero su Laccorte calcia un diagonale che esce d’un soffio, punizione sulla trequarti, ZEdda appoggia a Casula, Piga appostato sula linea salva, la sfera giunge a Meloni che con una botta centra il palo, i nero-arancio sono tutti sbilanciati e all’ennesima azione offensiva vengono beffati: Piga si impossessa della palla e lancia preciso Zara che vola sulla sinistra, l’uscita a valanga di Torrico non lo spaventa e con uno scavetto batte il portiere siglando il definitivo 5-3.

 

Le pagelle di Black Soccer

F.Lai 7: è un buon giocatore, argina le sortite offensive con la sua diplomazia in mezzo al campo, non ama essere appariscente e non cerca giocate complicate: tuttavia, nella sua doppietta, la ribalta è d’obbligo, dato che dopo la caramella che gli serve Zara per il 2-1, trova con un guizzo di follia la rete del 4-3, beffando Torrico dalla propria metà campo. Genio.

S.Piga 8: grandissimo difensore, non ha sbagliato un intervento, la sua specialità è l’anticipo, arriva con puntualità svizzera sul pallone, senza minimamente sfiorare il corpo dell’avversario; per la cronaca, trova con tenacia la rete dell’iniziale pareggio e spezza la pressione avversaria con una palla che serve tempestivamente ad uno Zara molto lucido. Bravissimo.

Le pagelle di The wall

D.Argiolas 7.5: gioca di tanto in tanto in questa squadra, anche l’anno scorso si era visto poco in campo e ci chiediamo il perché dato che è un elemento di assoluta affidabilità: vabbè che realizza il vantaggio su azione di Casula ma è soprattutto il modo intelligente con cui fa viaggiare il pallone che impressiona; sempre per la cronaca, trova il nuovo vantaggio (3-2) con una bordata da fuori e poi con una giocata ad stropicciarsi gli occhi sfiora la tripletta, sarebbe stata l’apoteosi. Immancabile.

V.Casula 8: tra tutti i 14 in campo, è quello che maggiormente spende energie e versa gocce di sudore: si è fatto un “mazzo tanto”, sulla fascia (nella ripresa anche sinistra) destra deve fronteggiare una volpe come Lai, talvolta aiutato in raddoppio da Piga…un lavoraccio; tuttavia, riesce a servire l’assist dell’1-0 e sfiorare una rete che sarebbe stata fantastica; nel mezzo tanti falli guadagnati e una punizione calciata malamente perché era allo stremo delle forze. Gladiatore.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO